Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

OPERE D’ARTE

L’edificio gode dell’antico loggiato quattrocentesco e di un altorilievo trecentesco raffigurante la Pietà all’interno del porticato. Sulla parete del campanile destro è presente una monofora, mentre sulla facciata sono state collocate otto statue in altrettante nicchie, raffiguranti santa Concordia, san Rufo, san Rocco, san Sebastiano, sant’Emidio, sant’Antonio abate, san Gaetano e l’Assunta.

Impossibile non notare il maestoso orologio frontale e il grande portale. Quest’ultimo è circondato da volti scolpiti in pietra e, in altro, è presente lo stemma di Castel di Sangro.
Nella parte interna si può ammirare il gruppo bronzeo del Battesimo del Cristo sulla sommità del Battistero, attribuito alla scuola del Cellini, arricchito altresì da intarsi marmorei. Gli stessi possono essere trovati sull’altare di san Sebastiano e sull’altare maggiore. Alle spalle di quest’ultimo sono presenti il coro ligneo e l’antico leggio e un bassorilievo nascondente il corpo di santa Concordia, in una nicchia.
Il pulpito e il paliotto quattrocentesco (raffigurante la vita di Gesù e decorante l’altare dell’Addolorata) sono a loro volte in legno.
Le tele ospitate sono di indubbio valore. Tra queste: “La disputa coi dottori” e “La nascita del Gesù” del Vaccaro; “La caduta di Gesù sotto la croce” e “Gesù mostrato da Pilato” del De Mura; “La Madonna col bambino e con i santi” e “La cena” del De Matteis; “Il miracolo della manna” e “Mosè con il serpente di bronzo” del Cirillo.

Utilizziamo i cookie per garantire che vi diamo la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul nostro sito accettate i cookie. Ok